La stagione 2020 di Formula 1 sarà difficilmente dimenticabile per gli appassionati, anche quelli di scommesse sulla Formula 1*.

Con il doppio passaggio di testimone dalle due alle quattro ruote si chiude la seconda tripletta della stagione di Formula 1. Dopo le prime due gare austriache, quella ungherese e la successiva doppietta in Inghilterra, si rimane in Europa con l’infuocata trasferta al Montmelò.

Sulla pista catalana il Circus festeggia la sua presenza numero cinquanta, un’occasione speciale in una situazione speciale. Ma con quale stato d’animo si arriva in Spagna? Chi ci arriva carico a molla è Max Verstappen. L’olandese non solo è riuscito a confermare i miracoli della prima gara inglese, ma ha fatto anche meglio, griffando un capolavoro capace di sorprendere le Mercedes.

Può essere lui il principale rivale di Lewis Hamilton nella corsa al titolo? Se dipendesse dalla macchina le speranze si ridurrebbero al lumicino, ma per fortuna in questo sport il pilota incide ancora in una piccola percentuale. Sicuramente più credibile di un Bottas tornato ai ranghi di “wingman”.

Pronostici Formula 1: come arrivano le vetture al GP di Spagna

Difficile dare un giudizio su Sebastian Vettel. Il tedesco ha commesso un altro errore in occasione della gara-2 di Silverstone, con un testacoda quasi da novellino, compromettendo la sua corsa.

Tutt’altra storia per quel che riguarda Charles Leclerc. Dopo la follia austriaca il monegasco sembra aver imparato dall’errore e ha infilato una prestazione notevole culminata con il quarto posto. Anch’egli sorpreso dal passo-gara della Rossa, soprattutto con le gomme dure

Redivivo Albon, a suon di sorpassi chiude quinto e ora il suo sedile sembra traballare un po’ meno. Molto bene anche Niko Hulkenberg, chiamato ai box a sorpresa, altrimenti avrebbe chiuso anche davanti al compagno Stroll.

Male le Renault, passo indietro clamoroso rispetto a sette giorni prima. Deludenti le Mclaren, con Sainz bloccato fuori dalla zona punti. Infine, Kvyat beffa Gasly per il decimo posto.

Pronostici Formula 1: caratteristiche del GP di Spagna

A Barcellona comanda, a sorpresa, Lewis Hamilton, specialmente nel recente passato. Sono timbrate da Hammer-Time le ultime tre vittorie al Montmelò. Dei piloti in attività soltanto Vettel (2011) e Verstappen (2016) possono vantare un successo.

La Ferrari detiene il record per numero di vittorie (12), ma non vince dal 2013, quando sulla monoposto di Maranello trionfava Fernando Alonso.

Pronostici Formula 1: i favoriti del GP di Spagna

Questa volta è lecito chiedersi se ciò che tutti abbiamo visto in Inghilterra sia stato oppure no un fuoco di paglia. Per rispondere a questa domanda sarà interessante capire quali mescole porterà la Pirelli in occasione dell’appuntamento spagnolo.

È ormai assodato che il principale problema della Mercedes sia proprio la gestione delle mescole, in particolare delle temperature. La Red-Bull sembra trovarsi molto bene con le gomme dure, lo stesso non si può dire delle due livree nere, in costante sofferenza.

Con le alte temperature della pista catalana, specialmente ad agosto, ci sono le condizioni per vedere l’olandese ancora in lotta con le due Mercedes. Hamilton, forte di un bottino cospicuo di vantaggio sui due inseguitori, potrebbe anche fare qualche calcolo in ottica mondiale. Ecco dunque la chance di riscatto per Bottas.

Detto di quello che sarà molto probabilmente il podio, spazio alla fantasia per capire chi vincerà tra “gli altri”. Ferrari favorite, visto il probabile pacchetto di aggiornamenti che arriverà in Spagna. Il gap da colmare è molto ma i meccanici e il team stanno lavorando alacremente per risollevare il morale ai tifosi. Piccola nota anche per la Haas, in grande difficoltà quest’anno ma con una buona tradizione su questo circuito.  

Clicca qui per maggiori informazioni su tutte le scommesse online* sulla Formula 1.

*Si prega di essere consapevoli del fatto che questo link vi rimanderà al sito scommesse