Non è una settimana come le altre in NBA: sono ancor più del solito i temi di interesse che emergono, grazie anche al rapido avvicinamento di due momenti fondamentali della stagione. Stiamo, ovviamente, parlando del sopraggiungere sempre più pressante della trade deadline (prevista per questa sera alle 21.00 ora italiana) e dell’All Star Game, evento fondamentale ormai alle porte.

Andiamo con ordine, nella scorsa settimana sono stati annunciati i partecipanti ufficiali alla gara delle stelle del 16 febbraio a Chicago. Ai due quintetti, composti rispettivamente da LeBron James, Anthony Davis, Kawhi Leonard, James Harden e Luka Doncic e da Giannis Antetokounmpo, Pascal Siakam , Joel Embiid, Trae Young e Kemba Walker, si sono aggiunte le riserve selezionate interamente attraverso i voti degli addetti ai lavori.

Per la Eastern Conference sono stati, dunque, scelti Domantas Sabonis, Jayson Tatum, Bam Adebayo, Khris Middleton, Kyle Lowry, Ben Simmons e Jimmy Butler, con quest’ultimo che è stato per giorni considerato come il grande escluso dal quintetto base. Per la Western Conference, invece, sono stati selezionati Brandon Ingram, Damian Lillard, Russell Westbrook, Donovan Mitchell, Rudy Gobert, Nikola Jokic e un rientrante Chris Paul. I 14 giocatori selezionati hanno destato non poche controversie viste le esclusioni di Devin Booker e Bradley Beal, unici due giocatori sopra i 27 punti di media esclusi dalla gara a partire dal 1985. Fuori dalla partita anche due assolute certezze della competizione come Paul George e Kyrie Irving, lasciati fuori esclusivamente per i problemi fisici fatti registrare da entrambi quest’anno.

Oltre alle due squadre, poi, è stato anche certificato il nuovo format della competizione che, per onorare Kobe Bryant, vedrà il cronometro azzerarsi e la gara proseguire finché non verranno segnati 24 punti in più rispetto a quanto fatto totalizzare fino a quel momento dalla squadra migliore. Se, dunque, ad esempio il Team Giannis sarà sopra per 110 a 107 all’inizio del terzo quarto, la gara terminerà non allo scadere della sirena del quarto quarto ma quando il punteggio di 134 (110+24) sarà stato raggiunto da una delle due squadre.Inoltre, entrambi i team dovranno mettere in atto una collaborazione con una società di beneficienza. Insomma, manca solo il Draft dei due capitani e poi avremo tutte le informazioni sulla gara delle stelle.

Non è, però, finita qui: sono stati annunciati tutti i partecipanti alle gare sia del venerdì che del sabato. Nel Rookie Challeneg del venerdì vedremo sfidarsi team USA vs team World, come ormai avviene da qualche anno: nel team statunitense ci saranno capitan Trae Young, Zion Williamson, Tyler Herro, Kendrick Nunn, Jaren Jackson Jr, Ja Morant, Devonte’ Graham, Eric Paschall, PJ Washington, Miles Bridges e Wendell Carter Jr. . Nel team mondiale, invece, ci saranno capitan Luka Doncic, RJ Barrett, Svi Mykhailiuk, Brandon Clarke, Mo Wagner, Shai Gilgeous-Alexander, DeAndre Ayton, Josh Okogie e Nickeil Alexander-Walker.

Al sabato, invece, oltre al Celebrity Game (che oltre all’MVP uscente Quavo vedrà partecipare giocatrici WNBA, celebrities ed ex giocatori NBA), potremo assistere alle normali gare di abilità che hanno reso famoso il secondo giorno di All Star Game.

Lo Skills Challenge ad esempio, malgrado il recentissimo rifiuto dell’idolo locale Derrick Rose, vedrà coinvolti Bam Adebayo, Patrick Beverley, Spencer Dinwiddie, Khris Middleton, Domantas Sabonis, Pascal Siakam e Jayson Tatum. Nella gara del tiro da tre punti, invece, saranno impegnati Davis Bertans, Devonte’ Graham, Joe Harris, Buddy Hield, Zach LaVine, Damian Lillard, Duncan Robinson e Trae Young.

Chiuderà, come al solito, la sfida a 4 per la gara delle schiacciate tra l’ex vincitore Dwight Howard, il super atleta Derrick Jones Jr., l’attesissimo Aaron Gordon e la sorpresa Pat Connaughton.

La settimana uscente non è stata, però, solo dedicata alle certezze ma molto è passato attraverso le notizie di mercato: la trade più importante finora maturata è quella a quattro squadre tra Hawks, Nuggets, Rockets e Timberwolves in cui hanno cambiato maglia ben 20 giocatori (record addirittura dal 2000). Fulcro dello scambio sono stati Clint Capela (arrivato agli Atlanta Hawks) e Robert Covington (che approda agli Houston Rockets). Nelle ultime ore, però, si fa un gran parlare del mercato di Miami che avrebbe quasi chiuso una trade a 3 nella quale arriverebbero a South Beach il nostro Danilo Gallinari e Andre Iguodala: scelte e contratti di riempimento ai Thunder, Justise Winslow a Memphis. Il tutto non è ancora ufficiale ma fonti ben informate parlano di discussioni ormai ai dettagli. Anche i Sixers si sono rafforzati scambiando tre seconde scelte per Alec Burks e Glenn Robinson III con i Golden State Warriors.

Non finirà certamente qui: potrebbero essere diversi i botti alla trade deadline e noi ve li racconteremo, ovviamente, nell’appuntamento della prossima settimana.

Chiudiamo al solito con il consiglio di qualche gara del weekend: occhi puntati chiaramente sui Miami Heat, non tanto nella sfida di venerdì 7 contro i Kings quanto in quella di domenica 9 contro i Blazers, visto che potrebbe essere quello il momento del debutto dei nuovi acquisti in maglia Heat. Venerdì vi consigliamo, invece, la rivincita tra Indiana Pacers contro Toronto Raptors, giocata questa notte e terminata con il risultato di 119 a 118 per i canadesi: una sfida bellissima per intensità e qualità di gioco. Sabato 8, invece, alle ore 23 occhi puntati su Milwaukee Bucks contro Orlando Magic: Giannis e la miglior squadra della lega sono sempre uno spettacolo da apprezzare a orari europei. Alle 21.30 di domenica, invece, potrebbe essere interessante Oklahoma City Thunder (che certamente dopo la deadline cambieranno) e Boston Celtics, una delle migliori squadre dell’Est.

Come vedete, ogni settimana NBA è piena di notizie e novità: questo appuntamento è stato particolarmente ricco ma, a dirla tutta, ci aspettiamo che il prossimo non sia da meno!

Clicca qui per maggiori informazioni su tutte le scommesse sul basket*

*Si prega di essere consapevoli del fatto che questo link vi rimanderà al sito scommesse