Siamo quasi a Natale e la NBA deve fronteggiare ancora una volta il problema infortuni: diversi sono i giocatori infortunatisi in questa settimana. Dall’altro lato, però, la lega sta pian piano ritrovando i tre giocatori sottoposti a squalifiche per doping. Ma andiamo con ordine, partiamo dal caos infortuni.

L’ultimo e più pesante infortunio tra i giocatori di spicco della NBA è sicuramente Luka Doncic, che dovrà star fermo per ben due settimane a causa di una distorsione alla caviglia. Ma il fenomeno dei Dallas Mavericks non è l’unico a essere finito in lista infortunati: non fanno meno scalpore gli acciacchi di Fred VanVleet (proprio nel momento in cui Kyle Lowry è tornato abile arruolato per i suoi Raptors) e Blake Griffin (mai realmente ripresosi dagli acciacchi di inzio anno).

Non è un caso che sul tema del “load management” si continui a discutere in maniera più rilevante che mai nella lega: LeBron James ha dichiarato che il suo obiettivo è cercare di giocare in tutte le gare mentre Doc Rivers, coach dei Clippers, ha detto di preferire la gestione del lavoro che stanno effettuando. Questo tema sarà da seguire per ancora molto tempo a venire perché è sempre più sulla bocca degli addetti ai lavori nella lega.

Sul fronte rientri, il primo ad essere rientrato dalla squalifica per doping è stato Wilson Chandler, seguito a ruota da De’Andre Ayton. I giocatori di Brooklyn Nets e Phoenix Suns sono stati i primi in ordine temporale ad essere squalificati per motivi legati al doping mentre si avvicina al termine anche la squalifica per John Collins degli Atlanta Hawks, l’ultimo in ordine temporale a ricevere la sanzione. Tre belle notizie per le tre squadre che possono così riabbracciare tre pezzi molto importanti delle proprie rotazioni.

Ancor più importante è, per i New Orleans Pelicans, la notizia del ritorno in allenamento di Zion Williamson, infortunatosi in pre-season e sempre più vicino al rientro. I tempi, però, non sono ancora sufficientemente maturi e, com’è ovvio che sia, la Franchigia della Louisiana ci sta andando con i piedi di piombo pur di non intaccare il proprio futuro Franchise Player.

Insomma, la lega si augura di poter recuperare tutte le proprie stelle in vista di una seconda metà di stagione in cui molti degli equilibri fin qui raggiunti potrebbero essere sovvertiti.

Passiamo ora a introdurre le sfide più interessanti del weekend e del prossimo avvio di settimana, quello che ci condurrà alla fantastica notte di Natale targata NBA, sulla quale abbiamo ovviamente preparato uno speciale tutto per voi.

Si parte subito fortissimo con le quattro gare di stanotte, tutte bellissime. Ad aprire i giochi sarà la sfida tra Atlanta Hawks e Utah Jazz: una sfida con una chiarissima favorita ma che contrappone una delle squadre più interessanti da seguire della NBA, gli Utah Jazz che ancora devono trovare la propria dimensione, e i giovani e divertentissimi Hawks di Trae Young. A seguire la super sfida in cima alla lega: Milwaukee Bucks contro Los Angeles Lakers: Giannis Antetokounmpo contro LeBron James e Anthony Davis. Una sfida stellare tra le due migliori squadre della lega: che sia l’anticipazione della prossima finale NBA?

Alle 2.30, invece, occhi puntati su due squadre con difficoltà di percorso diverse come San Antonio Spurs e Brooklyn Nets: entrambe, però, ambiscono ai playoff e una sfida così sembra proprio un ottimo viatico prima di assistere alla super sfida successiva, quella tra Los Angeles Clippers e Houston Rockets. Quando queste due squadre si sono sfidate in regular season è sempre stato spettacolo purissimo, non crediamo che questa notte possa far eccezione.

Nella notte di domani vi consigliamo una doppia sfida. La prima, quella delle 2.00 vede sfidarsi Philadelphia 76ers e Dallas Mavericks. Questi ultimi sono anche privi di Luka Doncic ma sono reduci da un’importantissima vittoria sui Milwaukee Bucks anche in contumacia al loro leader, chissà che non vogliano concedere il bis. Alle 3.00, invece, non lasciatevi sfuggire Denver Nuggets contro Minnesota Timberwolves: lo scontro tra i due più forti centri della Western Conference, Nikola Jokic e Karl Anthony Towns, oltre che il confronto tra due delle squadre più divertenti da veder giocare dell’intera NBA. I Nuggets sono chiari favoriti ma gli Wolves hanno dato la chiara impressione di non poter essere mai sottovalutati quest’anno.

Nell’NBA Saturday ad aprire i giochi saranno Charlotte Hornets e Utah Jazz alle ore 23.00: del buon basket a un orario accettabile per gli spettatori italiani è sempre manna dal cielo ma, nella notte, la vera gara da seguire sarà quella tra San Antonio Spurs e Los Angeles Clippers. Ogni volta che Kawhi Leonard affronta il suo passato l’intera lega è obbligata a guardare e, ovviamente, voi non potete essere da meno!

La NBA Sunday, invece, si aprirà nel segno di una sfida molto ma molto interessante: Toronto Raptors contro Dallas Mavericks alle 21.30. Anche Toronto è un po’ acciaccata ma la forza del gruppo guidato in campo da Pascal Siakam e in panchina da Nick Nurse sembra davvero farci propendere verso l’idea che la sfida in questione sarà super intrigante. Se,invece, tornate tardi e preferite una sfida in notturna potrete scegliere tra Bucks contro Pacers e Lakers contro Nuggets: le due migliori squadre della lega che sfidano due solidissime squadre da playoff, in grado di mettere chiunque in difficoltà. Davvero non male.

A inizio settimana, infine, vi consigliamo Kings contro Rockets, in programma alle ore 4.00 di lunedì notte: davvero non un cattivo modo di avvicinarsi alla magia dell’NBA Christmas.

Tenetevi forte, il meglio del dicembre targato NBA deve ancora arrivare!

 

Clicca qui per maggiori informazioni su tutte le scommesse sul basket.*

*Si prega di essere consapevoli del fatto che questo link vi rimanderà al sito scommesse