L’Inghilterra è da sempre sinonimo di stadi all’avanguardia, strutture moderne e modello da imitare in materia di impianti adibiti ad ospitare eventi sportivi e per questo motivo, nel corso degli anni, ha attirato orde di appassionati che hanno cominciato a girarla in lungo e in largo alla ricerca degli stadi più belli e affascinanti. Il mito di Anfield e dell’Old Trafford, lo spettacolo di St. James’ Park o la suggestione del Villa Park: ovunque si guardi e in qualsiasi città si capiti, oltremanica quasi ogni città ha un impianto sportivo meritevole di una visita.

Pensare di poter stilare una lista degli stadi più belli e affascinanti è davvero difficile, soprattutto perché in molti casi il fattore “bellezza” è piuttosto soggettivo. C’è chi preferisce stadi grandi e confortevoli come Wembley e chi invece predilige impianti più “old-style” come Goodison Park (casa dell’Everton) o Elland Road (storica dimora del Leeds United). Per questo motivo, abbiamo voluto mettere insieme un elenco di stadi per i quali abbiamo tenuto in considerazione diverse variabili come il contesto urbanistico, la storicità dell’impianto e ovviamente l’aspetto estetico.

#1 Anfield - Liverpool

Casa del Liverpool sin dal 1892 (anno di nascita dei Reds) è in assoluto uno degli stadi più belli al mondo per una moltitudine di motivi: la recente ristrutturazione della Main Stand ha permesso al club di riqualificare tutta l’area circostante, costruendo nuove case popolari, già riempite dal comune, e istituire un nuovo store, più grande e funzionale rispetto al precedente. Al suo interno Anfield può ospitare poco meno di 55 mila spettatori e vanta una delle tribune più calde e invidiate d’Europa, ovvero la celebre Kop, che ospita poco meno di 15 mila spettatori (fino al 1994, prima della demolizione e successiva ricostruzione, poteva contenere fino a 30 mila tifosi). È facilmente raggiungibile dal centro città (solo 15 minuti in taxi e poco più di 20 minuti in autobus) e confina con Stanley Park, un’infinita distesa di verde che divide lo stadio dei Reds con quello dei rivali cittadini dell’Everton. Grazie anche alle rimonte impossibili e ai risultati ottenuti dal Liverpool in questi anni, in molti lo ritengono uno degli stadi più ostili d’Europa, oltre che decisivo per il risultato finale dei Reds.

#2 Old Trafford - Manchester United

Non è un caso se quest’impianto è denominato il Teatro dei Sogni: un vero e proprio gioiello architettonico, costruito nel lontano 1910 e ristrutturato nel recente 2006. È stato per diversi anni lo stadio più capiente d’Inghilterra grazie ai suoi 76 mila posti a sedere, prima di cedere il primato al nuovo Wembley, costruito poco più di 10 anni fa e capace di contenere ben 90 mila persone. Oltre ad ospitare le gare casalinghe del Manchester United, in passato è stato protagonista di match come la finale di Champions League del 2003 tra Juventus e Milan, una finale di Supercoppa UEFA (1991), 6 partite dei Giochi Olimpici del 2012 e 8 partite del Mondiale disputatosi in Inghilterra del 1966. In aggiunta, ha ospitato la finale di Coppa del Mondo di rugby a 13 nel maggio del 2000. Grande ma allo stesso tempo moderno e funzionale, Old Trafford è il sogno non solo di centinaia di giocatori, ma di migliaia e migliaia di tifosi e appassionati che ogni anno accorrono in pellegrinaggio con il solo obiettivo di poter dire: ci sono stato anche io!

#3 St. James Park - Newcastle

Meno moderno di altri ma oltremodo spettacolare. Situato nel pieno centro cittadino, la casa del Newcastle United è uno degli impianti più particolari di tutto il paese. Ospita poco più di 52 mila spettatori e vanta due tribune con due diversi livelli e due tribune con un solo livello, particolarità che lo contraddistingue da tutti gli altri. Il settore che ospita la frangia più calda della tifoseria è la Gallowgate End, mentre al suo esterno è possibile visitare le statue di Alan Shearer, storico attaccante del club e leggenda del football d’oltremanica, e Sir Bobby Robson, ex manager tragicamente scomparso nel 2009, che a cavallo tra il 1999 e il 2004 permise alla squadra di raggiungere una semifinale di Coppa UEFA e partecipare in un paio di occasioni alla Champions League. È l’ottavo stadio inglese per capienza ed oltre alle partite interne del Newcastle United, ha ospitato in passato partite della nazionale inglese, partite di rugby, una moltitudine di concerti ed è pure comparso nel celebre film “GOAL” nel quale il giovane Santiago Munez ha un primo assaggio del calcio professionistico trasferendosi dal Messico proprio nel Tyneside, sponda Newcastle.

#4 New Spurs Stadium - Tottenham

Inaugurato giusto un paio di mesi fa, il nuovo stadio del Tottenham è forse l’impianto più moderno d’Europa e tra i top nel mondo. Vanta un terreno retrattile, che permette al campo di calcio di interscambiarsi con quello utilizzato dalla NFL, partner del club inglese e ospite un paio di volte l’anno nel nord di Londra per le Finals del campionato, mentre al suo interno è stato costruito il bar più lungo del continente europeo (65 metri totali). Non solo: è dotato di un birrificio indipendente, capace di produrre più di un milione di pinte l’anno, di una Sky Walk panoramica, che permette a tifosi e appassionati di camminare in parallelo al cornicione del tetto e godersi la vista dell’impianto dall’altro, oltre ovviamente a quella della capitale inglese nella sua interezza, due ristoranti stellati, 65 lounge private e il Tunnel Club, che permette ai paganti di poter osservare i giocatori dall’imboccatura degli spogliatoi fino al campo, venendo separati solamente da un pannello in plexiglass oscurato. Può ospitare 62.062 spettatori ed è attualmente il terzo stadio più grande di tutta la Premier League e permette al Tottenham di guadagnare fino a 950 mila sterline a partita grazie alla moltitudine di attività svolte al suo interno e alla miriade di attività commerciali.

 

Clicca qui per maggiori informazioni su tutte le scommesse calcio* sulla Premier League.

*Si prega di essere consapevoli del fatto che questo link vi rimanderà al sito scommesse