Smaltiti i turni di Champions ed Europa League, la Premier torna in campo sabato all’ora di pranzo (13.30) con due squadre in splendida forma e pronte a darsi battaglia come Manchester City e West Ham. La ventiseiesima giornata prosegue alle 16.00 con West Bromwich-Brighton e Leeds-Aston Villa (18.30). In serata si torna a St. James’ Park, con il Newcastle che ospita un Wolverhampton che sembra aver ritrovato la forma dei giorni migliori.

Domenica (13.00) tocca invece a Crystal Palace e Fulham, con i Cottagers decisi a strappare tre punti vitali in chiave salvezza. In contemporanea il Leicester ospita l’Arsenal al King Power Stadium e alle 15.00 i ‘cugini’ del Tottenham affrontano il Burnley sperando in una vittoria che serve come l’aria in casa Spurs. Alle 17.30, come di consueto, ecco il big match di giornata: sipario aperto a Stamford Bridge per Chelsea e Manchester United. Alle 20.15 un quasi totalmente rassegnato Sheffield ospita il Liverpool a Bramall Lane. Nel Monday Night il Southampton fa visita all’Everton, pronto a difendere il settimo posto tra le mura amiche di Goodison Park.

Andiamo ad analizzare tutti i match con i pronostici sulle scommesse Premier League* della prossima giornata!

Manchester City – West Ham United

Coltello dalla parte del manico per un Manchester City che comincia ad avere un vantaggio considerevole sulle inseguitrici (+10 sul Man Utd). I Citizens non perdono in Premier dal 21 novembre (0-2 contro gli Spurs) e sono imbattuti contro il West Ham negli ultimi cinque incontri di campionato (4V, 1P), con un bottino di 13 gol fatti e appena uno subito.

La vittoria contro il Tottenham ha confermato le ambizioni del West Ham di Moyes, ora più che mai deciso a preparare l’assalto alla Champions League (dal Boxing Day ha perso solamente con il Liverpool, a fronte di due pareggi e sette vittorie). Contro il City, però, gli Hammers faticano: nelle ultime 22 gare il West Ham ha vinto solo due volte. Per il resto, 17 sconfitte e 3 pareggi.

West Bromwich Albion – Brighton & Hove Albion

Benché manchino ancora 12 partite, il West Brom sembra rassegnato alla retrocessione, più per il rendimento di Fulham e Brighton nelle ultime partite che per le prestazioni degli uomini di Allardyce (2 pareggi preziosi nelle ultime 2). Contro il Brighton il bilancio in Premier League è perfettamente pari, con una sconfitta, un pareggio e una vittoria (l’ultima nel 2018, 2-0).

L’amarezza per l’1-2 patito contro un Palace pericoloso in due sole occasioni vive ancora negli animi dei giocatori del Brighton, che contro il West Brom vogliono ritrovare i tre punti per continuare il loro cammino verso una salvezza che sembra ampiamente alla portata dei Seagulls. L’ultima – e unica – vittoria in Premier League contro i Baggies risale al settembre 2017 (3-1).

Leeds United – Aston Villa

Difficile fare previsioni sul Leeds, il cui rendimento è sempre complicato da pronosticare. Quel che è certo è che i Whites stanno facendo un campionato sopra le aspettative e con la salvezza ormai praticamente in tasca, puntare in alto potrebbe essere un’opzione. Con l’Aston Villa – una classica degli ultimi anni – il Leeds ha vinto all’andata e ha perso solo uno dei precedenti 7 incontri.

Un’altra stagione sopra le aspettative è sicuramente quella dell’Aston Villa, al momento ottavo a -9 dalla Champions League e con due partite ancora da recuperare. Nelle ultime cinque ha rallentato (2V, 1P, 2S), ma a questo punto della stagione è più che comprensibile. Contro il Leeds l’ultima vittoria risale a quando entrambe erano in Championship: 1-0 nell’aprile 2018.

Newcastle United – Wolverhampton Wanderers

Dopo due mesi terribili, le cose hanno cominciato a mettersi male per i Magpies, i quali a questo punto della stagione speravano di avere qualche punto in più. La classifica è severa: 17esimo posto e appena 3 punti in più rispetto al Fulham 18°. Con questi presupposti, il Newcastle sa di non poter più permettersi passi falsi, a partite dal match contro i Wolves, con cui non vince in Premier dal 2011.

Dopo un avvio molto complicato, i Wolves sembrano aver cominciato gradualmente a ingranare, come dimostrano le tre vittorie nelle ultime cinque (con Arsenal, Southampton e Leeds). L’Europa rimane lontana, ma la stagione è ancora lunga e aperta a numerosi scenari. Contro il Newcastle è imbattuto da 5 partite, ma non vince dal dicembre 2018 (2-1 a St. James’ Park).Crystal Palace – Fulham

La vittoria all’ultimo respiro contro il Brighton ha mostrato la grande capacità di soffrire della squadra di Hodgson, ormai sempre più vicina alla salvezza anche grazie all’ottimo avvio in campionato. A Selhurst Park troverà un Fulham alla disperata ricerca di punti per uscire dalla zona retrocessione ma contro cui ha vinto 3 delle ultime 5 partite in Premier League (1P, 1S).

Le speranze di potersi salvare passano (anche) da questa sfida: vincere contro il Palace significherebbe dare un segnale importante in chiave salvezza. Il momento è positivo (una sola sconfitta nelle ultime 7, a fronte di 4 pareggi e 2 vittorie) e le possibilità di vittoria non sono poi così remote; i tre punti a Selhurst Park, però, mancano dall’ottobre 2013 (4-1).

Leicester City – Arsenal

Dal 20 dicembre il Leicester City ha perso solo una partita in tutte le competizioni (3-1 con il Leeds), rimanendo saldamente agganciato al terzo posto e con il fiato costantemente sul collo del Manchester United. Dopo le sconfitte in Premier e EFL quest’anno, il Leicester ha l’occasione di rifarsi, ritrovando una vittoria che contro l’Arsenal al King Power manca dal novembre 2019.

Stagione sicuramente inferiore alle aspettative quella dell’Arsenal, che dopo quello che sembrava un periodo di ripresa tra dicembre e gennaio ha ricominciato a lasciare punti per strada. Nelle ultime 5 gare di Premier ha raccolto una sola vittoria a fronte di 3 sconfitte e 2 pareggi. Contro il Leicester in trasferta non vince dall’anno del titolo per le Foxes: era settembre 2015 e i Gunners vinsero 5-2.

Tottenham Hotspur – Burnley  

Se non ci fosse l’Europa League a tenere in vita la stagione del Tottenham, staremmo parlando di un totale fallimento. Lotta per il titolo distante anni luce, zona Champions League ormai lontana e posto in Europa sempre più a rischio. Con il Burnley, gli Spurs vogliono ritrovare il sorriso e tre punti cruciali per la loro stagione. Contro i Clarets hanno perso solo una volta nelle ultime 13.

La salvezza è ancora lontana, ma i sei punti di vantaggio sul Fulham sono un vantaggio considerevole, pur non rappresentando un’assoluta garanzia. Imbattuto da quattro gare consecutive, il Burnley cercherà di non perdere per la quinta volta di fila, come non è mai successo in questo campionato. Nei 13 incontri di Premier, il Burnley non ha mai vinto in trasferta contro gli Spurs.

Chelsea – Manchester United  

Per quanto difficile da accettare, l’arrivo di Tuchel ha garantito al Chelsea una striscia di risultati utili consecutivi che aggiornata alla preziosa vittoria in trasferta contro l’Atletico è arrivata a 8 in tutte le competizioni. Contro lo United i tre punti potrebbero rimettere in discussione la gerarchia della zona Champions. In Premier il Chelsea non vince con i Red Devils dal novembre 2017 (1-0).

Dopo l’inaspettata sconfitta contro lo Sheffield Utd, il Man United ha subito cambiato registro, inanellando quattro vittorie e tre pareggi tra Premier, FA Cup ed Europa League. Il titolo sembra ormai lontano, ma il posto in Champions va difeso, soprattutto da pretendenti come il Chelsea. Con i Blues lo United è imbattuto da 6 gare in Premier League (3V, 3P).

Sheffield United – Liverpool

Se il piazzamento si traduce quasi automaticamente in “Championship”, l’unica cosa su cui Wilder può contare è l’orgoglio dei suoi ragazzi. A 13 gare dal termine e con 11 punti all’attivo alle Blades servirebbe un autentico miracolo per rimanere in Premier League. Con il Liverpool in campionato non vince dalla stagione 1993/994 (2-1 ad Anfield).

Troppi punti persi per strada per il Liverpool, che ora – a -19 dalla vetta – deve pensare a centrare una qualificazione in Champions League che non avrebbe mai dovuto essere in discussione. Le 4 sconfitte consecutive hanno affossato i Reds, già alle prese con un’infermeria stracolma senza contare le difficili situazioni personali di Klopp e Alisson. Con lo Sheffield Utd la vittoria è un obbligo.

Everton – Southampton

Sugli scudi invece l’Everton, fresco vincitore del derby di Liverpool e ora concreto candidato per un posto nella top 4. Con una partita da recuperare e la sola FA Cup da giocare, i Toffees di Ancelotti hanno diritto a puntare in alto. Contro il Southampton sarà una partita difficile, ma anche equilibrata, considerati valori in campo e storia (43 partite in Premier con i Saints, 18V, 12P, 13S). 

Dopo il 2-0 contro l’Everton dello scorso ottobre, il Southampton proverà a vincere andata e ritorno contro i Toffees per la prima volta dalla stagione 1997/1998. I riflettori, come di consueto, sono puntati su Danny Ings, che è stato direttamente coinvolto in sette gol nelle sue nove presenze in Premier League contro l’Everton, segnando cinque gol e mettendo a referto due assist.

Clicca qui per maggiori informazioni su tutte le scommesse calcio* sulla Premier League.

*Si prega di essere consapevoli del fatto che questo link vi rimanderà al sito scommesse