Inter: a San Siro per chiuderla

Battendo una squadra retrocessa da tempo l’Inter di Spalletti potrebbe dire una parola quasi definitiva sulla sua qualificazione Champions, dopo tre pareggi (amaro quello con l’Udinese, logici quelli con Roma e Juventus) per i neroazzurri non esiste alcun risultato diverso dalla vittoria. Mancherà mezza difesa, visto che D’Ambrosio è squalificato e De Vrij infortunato: a destra dovrebbe quindi essere scongelato Cedric mentre in mezzo è sicuro il ritorno di Miranda. A centrocampo, essendo squalificato anche D’Ambrosio ed in dubbio Vecino, potrebbe rivedersi il trascurato (per la sua vicinanza a Icardi?) Gagliardini e qualche chance esiste anche per João Mario e Borja Valero. Non è un caso che Spalletti se la sia presa con la scarsa qualità dei rincalzi, al di là delle tante occasioni perse per chiudere il discorso Champions: ecco, contro il Chievo le seconde linee avranno l’occasione per mettersi in mostra. Certo battere a San Siro una fra Atalanta e Roma avrebbe significato chiudere la stagione in scioltezza, senza paure, ma l’Inter è ancora pienamente padrona del suo destino. Quanto al solito caso Icardi, è possibile che il bomber argentino venga proposto dal primo minuto per arrivare a quel gol su azione che manca ormai da cinque mesi. Di sicuro obbligatori i tre punti, per andare poi a Napoli e chiudere in casa con un Empoli forse ancora motivato. Quanto al Chievo, è ultimo in classifica dalla prima giornata e la sua serie B era già scritta dopo il mercato estivo: questo non gli impedisce ogni tanto di mettere a segno colpi notevoli, come la vittoria all’Olimpico contro la Lazio, il pareggio sul campo di Atalanta, Napoli e Roma, e lo stesso pareggio dell’andata con l’Inter, un 1-1 strappato proprio al 90’ grazie a una prodezza di Sergio Pellissier.

 

Indiscreto – L’arrivo di Antonio Conte sulla panchina dell’Inter è fortemente sponsorizzato da Marotta, ma non trova entusiasmo in alcuna delle altre componenti della società: non gli Zhang, che sarebbero per la conferma di Spalletti, non i principali sponsor, che sarebbero per Mourinho, non per gli altri dirigenti che da questo rapporto diretto Marotta-Conte si sentono tagliati fuori.

 

Clicca qui per maggiori informazioni su tutte le scommesse sulla Serie A.*

*Si prega di essere consapevoli del fatto che questo link vi rimanderà al sito scommesse