Nelle scommesse calcio* testa a testa si deve molto semplicemente pronosticare quale delle due squadre o dei due atleti, nel caso di sport individuali, vincerà la partita. È quindi chiaro che la scommessa testa a testa si applica a quegli sport nei quali non è previsto il pareggio. E al limite a quelli dove il pareggio c’è, ma la partita deve comunque dare un esito positivo per uno dei due (tipo la qualificazione al turno successivo).

Nella scommessa testa a testa i segni possibili sono quindi solo due e va da sé che queste siano le scommesse principali nella pallacanestro, nel tennis, nella pallavolo, eccetera. La scommessa testa a testa può anche prescindere dal singolo evento e riguardare un campionato o un torneo, quindi in una logica antepost.

Il testa a testa può riguardare il piazzamento, il numero di punti o di altre categorie statistiche, in generale qualsiasi situazione che possa produrre due esiti. La scommessa testa a testa può anche riguardare singole parti dell’incontro, o singole parti di stagione (esempio: il girone di andata).

Per chi è la scommessa testa a testa? Per chi voglia puntare su una partita senza troppe sofisticazioni o ragionamenti sullo scarto o cose simili. O anche per chi abbia idee precise sul rendimento di un atleta (esempio: testa a testa fra chi dei due attaccanti segnerà più gol). Quale è il problema, a volte nelle scommesse testa a testa? Che la favorita può avere quote da favoritissima, cioè troppo basse e praticamente ingiocabili se non da chi su una partita investe somme enormi.

Per maggiori informazioni, consigli e pronostici consulta la nostra sezione sulle scommesse calcio.

*Si prega di essere consapevoli del fatto che questo link vi rimanderà al sito scommesse