Precedente Successivo

I migliori film sul poker: ecco quali sono

Condividi
media

Il tema del gioco e dell’azzardo rappresenta un filone abbastanza consolidato nel mondo della cinematografia, applicato ad alcuni generi in particolari come i gialli e i thriller. Il cinema hollywoodiano di un tempo (con accenni di eco western) così come la commedia all’italiana hanno spesso sviluppato trame e soggetti attorno all’idea di gioco d’azzardo, senza grandi declinazioni ma attraverso una meticolosa costruzione dei personaggi. In fondo sedersi ad un tavolo di un casinò online*, ma non solo, è un vero e proprio momento solenne, per alcuni un rituale, dove la sfida e le emozioni hanno un ruolo chiave. E il grande schermo ha saputo mostrare tramite la bravura degli interpreti tutti gli ingranaggi nascosti dietro per esempio a una mano di poker. Abilità, corruzione, tradimento, attrazione e videogioco online sono le tematiche maggiormente ricorrenti, anche se non sempre i “cattivi” riescono a farla franca. Protagonisti sono specialmente giovani “anonimi”, che portano alla luce il loro talento emerso dentro le proprie camerette o in una lezione di matematica a scuola. Anche la famiglia ricopre un ruolo cruciale, molto spesso legato alla figura paterna e a rapporti difficili, il tema del gioco come riscatto sociale da una condizione che non soddisfa ma soprattutto per esigenza personale, di soddisfazione narcisistica e meno puramente economica. Andiamo dunque a scoprire i migliori film sul poker mai prodotti, senza avere la pretesa di stilare una classifica.

Migliori film sul poker: ecco la nostra classifica

La stangata

Partiamo da uno dei titoli più celebri sul tema, rilasciato ufficialmente nel 1973. “La stangata – The Sting” , ambientato negli anni Trenta, riunisce attori stellari quali Robert Redford e Paul Newman a un sagace gioco di inquadrature e colpi di scena che elettrizzano lo spettatore. La colonna sonora “The Entertainer” rende lo scenario più realistico, uno dei 7 premi Oscar incassati da questo capolavoro. Il tema trattato riguarda vendetta, truffa e illusione e proprio su quest’ultimo punto viene ben illustrato quanto sia semplice trovarsi in alto e crollare in basso in pochi istanti.

Rounders - Il giocatore

Cominciamo da un grande classico del 1998, “Rounders”, composto da un cast stellare che annovera Matt Damon, George Clooney e Brad Pitt. Il titolo stesso è già un’allusione al mondo del gioco d’azzardo, poiché identifica tutti coloro che fanno del poker un vero e proprio lavoro. L’ambiente del casinò è qui approcciato secondo le logiche del “peccato”, all’interno di scenografie della New York decadente. Mike McDermott, interpretato da Matt Damon, vivrà il suo turbine emotivo facendosi prima prendere dallo sconforto dopo una brutta sconfitta e sarà poi riportato sui tavoli da gioco poiché alla fine “non puoi scappare da quello che sei”.

Temi correlati sono quelli dell’amicizia e della fiducia, nuovamente esplorati nella loro sfera negativa, tante le frasi a effetto che suonano quasi come un monito per la vita reale, presente anche una sorta di relazione-confessione tra il protagonista e lo spettatore. Molto bene anche la scelta degli sfidanti, che culmina con il leader Teddy KGB (un riferimento esplicito al dualismo USA-Russia) impersonato da John Malkovich. La presenza femminile è qui relegata al vasto pacchetto di cose che l’eroe perde nella speranza poi vana di riscattarsi attraverso il gioco.

Maverick - 1994

Ispirato alla celebre serie tv andata in scena nel 1957, Maverick ha a sua volta nel titolo un chiaro riferimento di ciò che vedremo, poiché l’etimologia del nome significa “uomo libero”. I richiami al western vengono completamente ribaltati, abbandonando ogni forma e idea di machismo per abbracciare il gioco, lo scherzo, il bluff, tutto si fa più intellettuale. Gli ostacoli non mancheranno e il cast, composto da Mel Gibson, Jodie Foster e James Garner aiuta a superare i momenti di pausa. Le grandi analogie con la realtà dipingono una vita dura e ardua al cospetto di persone sempre pronte a ingannarci e a portarci sulla strada dissestata, pur di non farci raggiungere l’obiettivo. E, alla fine, anche il denaro non è poi così importante.

Kidpoker - 2015

Documentario realizzato da Netflix che racconta la vita di Daniel Negreanu, stella del poker mondiale, per accogliere nella trama delicate questioni familiari e il peso di un successo così precoce (Daniel è infatti il più giovane giocatore ad aver sbancato le World Series of Poker, a testimoniarlo ci sono i sei braccialetti sul suo braccio destro). Sotto il profilo narrativo non ci sono grandi spicchi ma mancava un prodotto di questo genere che illustrasse realmente com’è la vita di un giocatore di poker.

All-in: The Poker Movie

Sempre in ambito documentaristico citiamo la pellicola del 2009 che offre uno sguardo sul boom che ha investito il gioco d’azzardo negli anni Duemila. Come sia diventato a tutti gli effetti un fenomeno di massa, sfruttando le tecnologie e il marketing ai loro primi albori. Non mancano interviste agli assi del poker oltre ad approfondimenti sulle figure imprenditoriali che ruotano intorno al settore.

Molly's Game

Molly Bloom, alias la “principessa del poker”, con un passato da sciatrice fino a diventare un pericolo per l’FBI. Il film segue l’autobiografia dell’ex-star del Circo Bianco, le cui scelte professionali sono poco spettacolari da un punto di vista cinematografico ma alquanto singolari se contestualizzate nella realtà. I nomi degli avversari e clienti incontrati personalmente da Bloom coinvolgono anche affermate star hollywoodiane, tuttavia l’attenzione rimane calamitata sull’identità del Giocatore X che, nonostante non sia mai rivelata pubblicamente, conduce dritta al nome di Tobey Maguire.

Insomma, la classifica dei migliori film sul poker è davvero infinita! Questi sono solamente sei delle pellicole che abbiamo scelto per raccontare un mondo in cui regnano l'adrenalina e le emozioni. Tu ne conoscevi qualcuno? Nel caso dovessi essertene perso qualcuno speriamo di averti dato una dritta in più e chissà che magari nei prossimi giorni non si presenterà l'occasione per recuperare quanto perso finora.

*Si prega di essere consapevoli del fatto che questo link vi rimanderà al Casinò Online

 

Articoli correlati

media

Qual è il segreto del successo degli adattamenti cinematografici di libri?

media

I migliori videogiochi degli anni '70

media

La storia dei videogiochi: dagli anni '50 ad oggi

;