La pausa delle nazionali è (finalmente) terminata, la Premier League torna in campo e di conseguenza anche la nostra settimanale preview del turno in arrivo. La nona giornata si apre sabato alle 13.30 con l’interessante sfida a St. James’ Park tra Newcastle e Chelsea e prosegue nel pomeriggio con Aston Villa – Brighton alle 16.00 e il big match tra Tottenham e Manchester City alle 18.30, pronte entrambe a contendersi la vetta della classifica. Alle 21.00 tocca al Manchester United, chiamato a stabilizzare il suo altalenante rendimento contro un West Bromwich Albion ancora alla ricerca dei primi tre punti in campionato.

Inaugura i match della domenica la sfida tra Fulham ed Everton, nella quale sarà predominante la voglia di tornare a fare bene che accomuna entrambi i club in questo delicato momento. Alle 15.00 lo Sheffield United ospita il West Ham a Bramall Lane, mentre alle 17.30 il Leeds torna a Elland Road dove affronterà un Arsenal che ha bisogno di ritrovare punti e fiducia. Alle 20.15 il Liverpool ospita il Leicester in una sfida delicatissima tra – rispettivamente – la terza e la prima in classifica. Nel doppio Monday Night, il Burnley incontra il Crystal Palace alle 18.30 e il Wolverhampton affronta l’ottimo Southampton al Molineux, concludendo di fatto il nono turno di Premier.

Andiamo ad analizzare tutti i match con i pronostici sulle scommesse Premier League* della prossima giornata!

Newcastle United – Chelsea

Da inizio campionato il Newcastle non ha mai ottenuto due risultati “simili” consecutivi, dimostrando una discontinuità di rendimento che dà ben poche indicazioni sulle ambizioni del club. Contro il Chelsea i Magpies hanno l’occasione di rifarsi, trovando tre punti come lo scorso 18 gennaio (1-0). Il Newcastle ha perso l’ultima, manterrà quindi fede alla “tradizione” vincendo o pareggiando contro i Blues?

Il ruolino di marcia dei Blues comincia a dare segnali confortanti, dal momento che non perdono dal 20 settembre (0-2 contro il Liverpool). Il Chelsea è imbattuto da sei partite (3 vittorie, 3 pareggi) e ha segnato almeno 3 gol in 5 di esse. Occhio a Werner, che ha segnato 5 gol nelle ultime 5 gare, come non succedeva dal 2009, quando a riuscirci per il Chelsea fu Didier Drogba.

Aston Villa – Brighton & Hove Albion

La sorprendente vittoria contro l’Arsenal (3-0) ha ridato slancio ai Villans, che cominciano a costruirsi la fama di “ammazza-grandi”, dopo aver battuto Leicester e Liverpool oltre ai Gunners. L’uomo chiave non può che essere Jack Grealish, il quale oltretutto ha sempre segnato negli ultimi 4 incontri giocati in carriera contro il Brighton.

Il Brighton non ha mai vinto in casa dell’Aston Villa in nessuna competizione, pareggiando tre volte e perdendone 9 nei 12 incontri totali tra le due (5 su 5 le sconfitte in Premier League/First Division). Ma un segnale di speranza per i Seagulls c’è: 12 degli ultimi 15 punti conquistati in Premier sono stati ottenuti in trasferta…

Tottenham Hotspur – Manchester City

Un punto dalla vetta, sette risultati utili consecutivi (di cui due pareggi “incassati” oltre il 90°) ed entusiasmo alle stelle. Il Tottenham arriva a questa sfida consapevole di trovarsi difronte a uno spartiacque, a un punto di svolta per la sua stagione. Se arrivassero i tre punti, sarebbero quattro le vittorie consecutive, come non accadeva dal febbraio 2019 con Pochettino al comando. Attenzione al solito Kane, coinvolto in 23 gol in appena 14 partite in stagione.

Nel 24esimo incontro tra Mourinho e Guardiola, lo spagnolo proverà a trovare l’undicesima vittoria contro il portoghese in carriera. Dopo la brusca frenata nel 2-5 contro il Leicester, il Manchester City ha inanellato una serie di 9 risultati utili consecutivi in tutte le competizioni (6 vittorie, 3 pareggi). In casa degli Spurs non vince dall’ottobre 2018 (0-1).

Manchester United – West Bromwich Albion

Cosa aspettarsi da questo Manchester United? Difficile prevederlo, visto il rendimento inspiegabilmente altalenante che sta caratterizzando la sua stagione finora. I Red Devils non hanno ancora vinto in casa in campionato, raccogliendo appena 3 punti in 4 partite (3 pareggi e una sconfitta) e subendo 10 gol. Ma attenzione: nessuna squadra ha raccolto più punti in situazioni di svantaggio (9) come lo United.

Ancora alla ricerca della prima vittoria in campionato, il West Brom di Bilic proverà a bissare il successo dell’ultima gara giocata all’Old Trafford (1-0 nell’aprile 2018), che si somma ai tre totali successi nelle ultime 5 partite disputate nel Teatro dei Sogni. I Baggies sono uno dei tre club che ancora non ha concesso gol nei primi 15 minuti di gioco.

Fulham – Everton

Discorso simile anche per il Fulham, che però ha trovato il riscatto proprio contro il WBA, vincendo la sua prima partita in Premier League quest’anno. Ben 23 dei 28 match disputati tra Cottagers ed Everton sono stati vinti dalla squadra in casa (82%). A Craven Cottage, contro i Toffees, il Fulham ha vinto 9 volte, l’ultima nell’aprile 2019 (2-0).

Il momentaccio dell’Everton sembra non passare e anche per questo è necessaria un’inversione di tendenza. Benché fuori casa abbia vinto appena 3 volte in Premier, ha ottenuto i tre punti in 4 degli ultimi 5 match giocati contro il Fulham. Per fortuna di Ancelotti, in campo tornerà Richarlison, senza il quale l’Everton ha perso tre volte su tre quest’anno.

Sheffield United – West Ham United

La pessima partenza della Blades vuole essere solo un brutto ricordo, a partire dal match con gli Hammers, contro i quali ha un invidiabile score di 5 risultati utili su 6 (totale delle partite disputate in Premier tra le due). Finora lo Sheffield United ha perso ben 6 punti da situazioni di vantaggio – come nessuna altra squadra in campionato.

Il West Ham ha vinto gli ultimi 11 incontri giocati in Premier contro squadre che prima della giornata in questione avevano iniziato alle spalle degli Hammers, con un bottino di 13 gol fatti e appena 4 subiti. Le squadre di Londra, però, non vincono a Bramall Lane da 11 partite consecutive di Premier. L’ultima a riuscirci fu il Chelsea nel 2006.

Leeds United – Arsenal

Dopo una partenza che aveva fatto sognare i tantissimi tifosi dei Whites, il Leeds di Bielsa ha rallentato con due pesanti sconfitte nelle ultime due (1-4 contro Leicester e Crystal Palace). Contro i Gunners il Leeds spera di tornare a una vittoria che manca dal maggio 2003 (3-2 ad Highbury). Con Marcelo Bielsa alla guida i Whites non hanno mai perso più di due partite consecutivamente.

Tra le squadre che non stanno fornendo prestazioni omogenee, c’è sicuramente l’Arsenal chiamato a reagire dopo la figuraccia contro i Villans (0-3). I Gunners sono imbattuti negli ultimi 5 incontri contro il Leeds in tutte le competizioni (4 vittorie nelle ultime 4 e 1 pareggio), con un bilancio di 15 gol segnati e appena 4 subiti. L’ultima vittoria a Elland Road in Premier risale al novembre 2003.

Liverpool – Leicester City

Scontro al vertice per il Liverpool, che curiosamente arriva a questa sfida guardando “dal basso” gli avversari, al momento primi in classifica. Il grande punto interrogativo per i Reds si trova alla voce infortunati: Salah, Alexander-Arnold, Van Dijk, Gomez, Robertson, Henderson, Thiago saranno indisponibili per la sfida contro il Leicester. Riuscirà Klopp a ristabilire le gerarchie nonostante le assenze?

La capolista arriva a questa sfida con la chiara intenzione di non arrendersi ai campioni d’Inghilterra. Per trovare i tre punti e mantenere la testa della classifica Rodgers si affiderà anche (e soprattutto) al solito Jamie Vardy, che contro il Liverpool ha già segnato 7 volte. Solo Cole (11) e Henry (8) sono riusciti a fare meglio nella storia della competizione. Bottino alla portata per Vardy? 

Burnley – Crystal Palace

Appena sopra lo sciagurato Sheffield United c’è un Burnley che non se la passa poi tanto meglio. A Turf Moor attende un Crystal Palace in buono stato di forma, contro cui trovare i tre punti non sembra la più semplice delle imprese. Gli ultimi due match giocati in casa contro le Eagles non riflettono risultati confortanti: 0-2 e 1-3 a novembre e marzo 2019.

La vittoria contro il Leeds ha dato morale e fiducia agli uomini di Hodgson, che sembrano aver ritrovato lo smalto delle primissime battute in questa stagione. Il Palace ha segnato otto gol nei primi tempi, con solo Liverpool, Saints e Spurs davanti alle Eagles in questa classifica (10). Occhio a un rispolverato Wilfried Zaha, che è stato coinvolto in 7 gol nelle prime 8 partite di Premier.

Wolverhampton Wanderers – Southampton

La sconfitta di misura contro il Leicester ha interrotto una striscia di 4 risultati utili consecutivi (3 vittorie, 1 pareggio) che avevano proiettato i Wolves nelle zone nobili della classifica. Nel 2020 il Wolverhampton ha ottenuto il maggior numero di clean sheet tra le squadre di Premier (13) e con i Saints ha perso solo uno degli ultimi otto incontri disputati (4 vittorie, 3 pareggi).

I Saints, dal canto loro, viaggiano a un ritmo impronosticabile a inizio stagione. Arrivano a questa sfida con ben 6 risultati utili consecutivi (di cui 5 vittorie e un pareggio, maturato nel recupero contro il Chelsea) e non sembrano aver intenzione di fermarsi. Al Molineux il Southampton ha vinto solo una volta in Premier League, risalente all’aprile 2004 (4-1).

Clicca qui per maggiori informazioni su tutte le scommesse calcio* sulla Premier League.

*Si prega di essere consapevoli del fatto che questo link vi rimanderà al sito scommesse