In questo momento della stagione, dopo 3 sconfitte consecutive, per l’Arsenal di Unai Emery non c’è antidoto migliore dell’Europa League. L’andata delle semifinali in programma all’Emirates Stadium contro il Valencia, dirà finalmente se la stagione dei Gunners potrà ritenersi soddisfacente. Contro si troverà un Valencia che rischia di gettare al vento un’ottima stagione dopo aver perso 3 delle ultime 5 partite giocate in campionato ed essere scivolato al sesto posto in classifica. L’Europa League è rimasto l’unico vero appiglio per sperare di invertire la rotta e, magari, conquistarsi l’accesso alla Champions League.

Arsenal in crisi ma guai a sottovalutare l’Emirates 

Le 3 sconfitte consecutive maturate dall’Arsenal in Premier League nel corso degli ultimi dieci giorni, oltre che incidere sul morale di tutto l’ambiente, hanno riempito l’infermeria di alcune pedine fondamentali: Denis Suarez e Aaron Ramsey, alle prese rispettivamente con uno strappo all’’inguine a un infortunio alla coscia destra, saranno obbligati a saltare tutto il finale di stagione e tornare in campo in estate, mentre Monreal, a causa di un risentimento al polpaccio, potrebbe saltare proprio la sfida contro il Valencia.

Al netto dei giocatori a disposizione, Emery è conscio dell’importanza del fattore “casa”: nel corso di questa edizione dell’Europa League, i Gunners non hanno subito gol all’Emirates solamente nella prima partita del girone di qualificazione, riuscendo poi a mantenere la porta inviolata nelle successive 5 partite, nelle quali ha comunque avuto modo di affrontare squadre del calibro di Napoli, Rennes e Sporting Lisbona. Al netto di questa statistica, l’Arsenal ha comunque dimostrato che in casa è un osso durissimo da superare: ha vinto 13 delle ultime 15 partite, perendo solamente contro il Crystal Palace in Premier League e contro il Manchester United in FA Cup.

Alta anche la media dei gol segnati da parte dei Gunners, che in casa hanno mantenuto una media superiore ai 2 gol a partita nello stesso lasso di tempo sopracitato, mantenendo invece la rete inviolata in 7 occasioni. Nonostante tutto, però, è proprio il reparto difensivo il punto debole degli uomini di Emery: 9 gol subiti in tutte le competizioni nelle ultime 3 partite sono un campanello d’allarme non indifferente, soprattutto considerata la caratura dell’avversario.

Dal canto suo il Valencia ha perso le ultime due partite giocate, nonostante arrivasse da un filotto di 4 vittorie consecutive. Contro Atletico Madrid ed Eibar sono state sconfitte di misura (3-2 e 0-1) che hanno però complicato la strada verso il quarto posto in campionato e che ora lasciano poche alternative: eliminare l’Arsenal e vincere la finale di Europa League potrebbe essere l’unico modo per strappare una qualificazione in Champions League.

Clicca qui per maggiori informazioni su tutte le scommesse sul calcio.*

*Si prega di essere consapevoli del fatto che questo link vi rimanderà al sito scommesse