Siamo finalmente giunti ad uno degli eventi più attesi dell’anno: nella notte (italiana) tra domenica e lunedì prenderà il via l’Australian Open 2020.

Quanto al tabellone: Nadal domina la parte alta e potrebbe collidere la propria corsa con Medvedev in semifinale, mentre nella parte bassa si attende la semifinale tra Federer e Djokovic.

 

Tra i primi turni, invece, il campione iberico è stato il più fortunato dato che, oltre all’esordio con il modesto Dellien n.72 del mondo, prima degli ottavi di finale non ci sarà nessun giocatore classifica tra i primi 30 della classifica mondiale a poterlo insidiare.

Djokovic, invece, è il più sfortunato dato che dovrà esordire contro Struff, big server tedesco, numero 37 delle classifiche mondiali. Federer, dal canto suo, avrà un esordio non proprio agevole contro Johnson, anche se l’americano è sprofondato dopo l’80^posizione in classifica mondiale e non è più il giocatore di qualche anno fa.

 

Relativamente agli outsiders meritano una menzione d’onore i padroni di casa De Minaur e Kyrgios. Il primo, dopo un Atp Cup di assoluto livello è stato costretto ad alzare bandiera bianca a causa di un infortunio agli addominali.

L’eccentrico Kyrgios, invece, è nella parte di tabellone di Nadal e potrebbe affrontare l’iberico in un ottavo di finale che promette già spettacolo, anche per il pessimo rapporto che c’è tra i due giocatori. Sulla strada del giovane australiano c’è però un altro giovane come Khachanov, apparso un po in ritardo di condizione ma sempre in grado di giocare un ottimo tennis.

Wawrinka, già vincitore qui in Australia, esordirà contro Dzumhur e potrebbe incontrare al terzo turno Medvedev in un altro incontro davvero interessante.

Tsitsipas, giustiziere di Federer nel 2019, esordirà contro Caruso ma con in testa già un ipotetico quarto di finale contro Djokovic, prima di una potenziale rivincita contro Federer.

Zverev, meno sponsorizzato rispetto al solido, vuole che il 2020 sia l’anno della sua definitiva consacrazione e la prima tappa è proprio in Australia dove ha sempre fallito. Per lui l’esordio sarà contro Cecchinato.

Meritano di essere tenuti in considerazione anche Rublev e Goffin, entrambi nettamente i tennisti più in forma di questo inizio di 2020. Per loro c’è la voglia di stupire e di rendersi le due autentiche mine vaganti del torneo. Da tenere d’occhio.

 

Infine capitolo sugli italiani: Berrettini farà il suo esordio in questo slam come numero 8 delle classifiche mondiali e sarà opposto ad Harris, Wild Card australiana.

Fognini si vedrà opposto ad Opelka in una rivincita della sconfitta subita in estate agli US Open.

Mentre Sinner esordirà contro il qualificato Purcell prima di un ipotetico secondo turno contro Shapovalov, tutto da vivere.

Detto dei più sfortunati Cecchinato (Zverev) e Caruso (Tsitispas), anche Sonego deve fare i conti con la cattiva sorte che lo ha abbinato a Kyrgios. Travaglia, inoltre, incornerà Garin mentre Seppi il next gen Kecmanovic.

 

Manca ormai pochissimo al primo grande slam della stagione. I bis entrano in azione e la posta in palio è altissima. Djokovic per il bis, Nadal per agguantare il record di 20 slam di Federer, ma anche lo svizzero che punta ad allungare e Medvedev alla caccia del primo successo in carriera a livello slam sono tutte variabili impazzite da tenere in considerazione.

Buon divertimento a tutti.



Clicca qui per maggiori informazioni su tutte le scommesse tennis.*

*Si prega di essere consapevoli del fatto che questo link vi rimanderà al sito scommesse